Una ricerca preliminare

⇒ vai al .PDF

SINTESI

Il lavoro è stato svolto svolto nell’ambito dell’Associazione Analisti Ambientali per il programma RETIPOLIVALENTI.it, con il contributo del Dipartimento di Scienze della Terra e dell’Ambiente dell’Università di Pavia.  

Il Rapporto presenta la prima fase di un percorso volto, anche attraverso una combinazione  di strumenti della new e della old economy,  alla valorizzazione di luoghi  e qualità relative (ambiente, cultura, realtà economiche, prodotti locali).  Come riferimenti per la messa a punto degli strumenti, sono stati considerati  10 luoghi compresi tra Pavia e le zone circostanti, inquadrabili anche come nodi di reti a diversa scala.

Il lavoro ha approfondito esigenze ed opportunità connesse ai flussi di informazione relativi a luoghi di interesse.  Si è partiti prendendo atto che oggi l’informazione è sempre più legata al Web, oceanica, difficile da selezionare, e che progressivamente maggiore è il ruolo di Internet Mobile.

Nello specifico sono stati sviluppati i seguenti contenuti:

  • una focalizzazione del tema delle reti-ecosociali, da intendere come reti di valenze (ambientali, culturali, economiche) e di soggetti associati a luoghi specifici, alimentate da flussi di informazione condivisa; a tal fine dal punto di vista teorico ci si è posti come obiettivo l’integrazione di alcune implicazioni di tre approcci strategici: quello delle reti ecologiche polivalenti di ultima generazione, quelli fondati sulla territorializzazione delle politiche attraverso la valorizzazione delle identità locali, quelli  basati sull’ aumento delle capacità di resilienza a livello locale nei confronti dei cambiamenti critici in corso;

  • una traduzione operativa del riconoscimento di opportunità e problemi del web come principale spazio odierno di scambio di informazioni; il modello di azione proposto non cerca di individuare  in proposito un  nuovo miracoloso strumento tecnologico quanto piuttosto, partendo dal riconoscimento di alcune debolezze,  lo sfruttamento di nuove opportunità offerte dall’uso di dispositivi con Internet Mobile come strumento ormai ordinario nella vita quotidiana delle persone;

  • l’identificazione e messa a punto di un concreto kit operativo di strumenti in grado nella loro combinazione di raggiungere gli obiettivi precedenti; il kit comprende la realizzazione di microportali per Internet Mobile con specifici format, l’utilizzo di webcard come supporti per favorire contatti e scambi di informazioni a livello locale, azioni pubbliche e private per l’alimentazione di cortocircuiti virtuosi tra offerta e domanda potenziale di informazione sui luoghi da valorizzare;

  • una prima applicazione degli strumenti precedenti su un set di luoghi tra loro differenti ma complementari: il Po della Becca, Mezzanino Po, il bosco di Alberelle, il SIC di Vaccarizza a Linarolo, Varzi, San Michele e corso Garibaldi a Pavia, San Lanfranco a Pavia, Pavia Ovest, la città di Pavia; i microportali attuati, pur già utilizzabili, sono intesi come progressivamente modificabili e potenziabili sulla base delle interazioni con i soggetti locali interessati;

  • un prima ipotesi progettuale su un cluster di nodi (sotto-insieme del set precedente : quelli attorno al ponte della Becca), e sulle implicazioni del modello di azione prefigurato ai fini di un miglioramento delle capacità di resilienza a livello locale.