Mezzanino. Uno skyline fantastico

Mezzanino. Uno skyline fantastico

UN’AZIONE DI PITTURA PER BAMBINI ED ADULTIi

Mezzanino, 6 maggio 2018 ore 17 –  parco giochi di via Roma

video-youtube2 Uno skyline fantastico a Mezzanino Po realizzato da bimbi e genitor
video-youtube2  Gli aspetti tecnici (Claudia Catenelli
video-youtube2 Presentazione del Sindaco 
video-youtube2  Il significato e l’organizzazione dell’iniziativa (Neva Kolman)

Mezzanino: uno skyline fantastico.  E’ questo il titolo dell’iniziativa organizzata dal Comune di Mezzanino, attraverso la sua  Biblioteca Comunale, con il sostegno della Pro Loco , svoltasi domenica 6 maggio a Mezzanino , che ha visto bambini, adolescenti  e adulti coinvolti in una grande azione di pittura.

Il laboratorio di arte contemporanea, condotto dall’illustratrice Claudia Catenelli è stato concepito perché ruotasse attorno al concetto dell’identità dei luoghi , idea che racchiude in sé sia i temi dell’identità culturale, sia quelli della riconoscibilità ambientale.

E’ importante descrivere il percorso concettuale che ha portato alla costruzione del laboratorio perché se ne possa comprendere sino in fondo il  valore sul piano culturale .

Innanzitutto si sono  individuati i luoghi simbolo del paese, rappresentativi di valori di tipo intrinseco sia dal punto  di vista culturale, rispetto, ad esempio, all’uso sociale  (la piazza, il municipio, la chiesa) sia dal punto di vista ambientale, legati cioè allo spazio di vita degli individui (il fiume, il ponte, le campagne , le aree dimenticate)

Le loro immagini sono state  riprodotte, con una sequenza determinata, su un grande foglio di carta lungo oltre 20 metri  che bambini e adulti, muniti di  pennelli e colori, hanno  dipinto  senza preoccuparsi di un uso “filologico” del colore.

Risultato: un coloratissimo,  fantastico e assolutamente riconoscibile skyline del paese, che ha dato una forma ai tanti modi di vedere Mezzanino.

L’ endorfinica merenda della Pro Loco ha provveduto al nutrimento anche dei corpi , fornendo ossigeno alla creatività dei partecipanti e concludendo una giornata nella quale si è riportato al centro della  comunità la comunità stessa